mercoledì , 17 Agosto 2022

Che cos’è lo staking di Criptovalute?

Probabilmente hai sentito parlare di persone che fanno soldi scambiando criptovalute. Ma c’è un modo diverso per far crescere le tue criptovalute senza dover acquistare di più. La pratica, chiamata “staking“, è un modo di utilizzare determinate criptovalute per aiutare a verificare le transazioni su una rete blockchain. Gli investitori che partecipano allo staking possono guadagnare rendimenti superiori a quelli disponibili da un tipico conto di risparmio.

Sebbene la terminologia del crypto staking possa sembrare complessa, i principi sono piuttosto semplici. E c’è un numero crescente di exchange online che mirano a rendere più semplice lo staking di criptovalute per gli utenti di tutti i giorni. Se stai decidendo se utilizzare le tue partecipazioni per lo staking di criptovalute, può essere utile capire come funziona il processo, quali criptovalute puoi puntare e alcuni dei rischi coinvolti.

Che cos’è il crypto staking?

Lo staking delle criptovalute è una parte importante della tecnologia alla base di alcune criptovalute. Per capirlo, aiuta ad avere una conoscenza di base di cosa fanno le reti blockchain. Ecco alcuni dettagli che devi sapere.

Le blockchain sono “decentralizzate”, il che significa che non c’è nessun intermediario, come una banca, per convalidare la nuova attività e assicurarsi che corrisponda a un record storico mantenuto dai computer in tutta la rete. Invece, gli utenti raccolgono “blocchi” di transazioni recenti e li inviano per l’inclusione in un record storico immutabile. Gli utenti i cui blocchi sono accettati ricevono una commissione di transazione pagata in criptovaluta.

Lo staking è un modo per prevenire frodi ed errori in questo processo. Gli utenti che propongono un nuovo blocco o votano per accettare un blocco proposto mettono in gioco parte della propria criptovaluta, il che incentiva il rispetto delle regole. In generale, maggiore è la posta in gioco, maggiori sono le possibilità per l’utente di guadagnare premi sulle commissioni di transazione. Ma quando si scopre che il blocco proposto da un utente contiene informazioni imprecise, può perdere parte della sua posta in gioco, in un processo noto come slashing.

Quali criptovalute consentono lo staking?

Un certo numero di criptovalute popolari ora include lo staking. Se una criptovaluta è collegata a una blockchain “proof-of-stake”, che utilizza il meccanismo di incentivazione di cui sopra, potrebbe essere ammissibile per lo staking. Tuttavia, lo staking funziona in modo diverso da blockchain a blockchain e alcune risorse crittografiche hanno maggiori probabilità di essere supportate dalle funzionalità di staking sui popolari scambi di criptovaluta, che possono rendere il processo più facile da navigare.

Attualmente, Coinbase, il più grande exchange di criptovalute negli Stati Uniti, attiva automaticamente lo staking per la maggior parte delle persone che detengono algo (la valuta nativa della blockchain di Algorand) sulla sua piattaforma. Coinbase afferma che questo può far guadagnare agli utenti un rendimento percentuale annuo del 4%. La più grande risorsa crittografica che supporta lo staking è ether, o ETH, che è il token nativo della rete Ethereum e la seconda risorsa crittografica più grande per capitalizzazione di mercato. Alcune altre principali reti di criptovaluta che supportano lo staking includono Solana e Cardano.

Ci sono molte criptovalute che non supportano lo staking

Bitcoin, di gran lunga la criptovaluta più preziosa, utilizza un metodo diverso per convalidare le transazioni. Si chiama “proof of work” ed è un processo ad alta intensità energetica che richiede agli utenti di dedicare un enorme sforzo computazionale prima di poter inviare un nuovo blocco e raccogliere i potenziali frutti.

Staking
Staking

Alcuni exchange e altre società finanziarie, tuttavia, offrono ai clienti la possibilità di prestare le loro criptovalute, il che consente ai partecipanti di guadagnare interessi su bitcoin e altre risorse digitali senza effettuare puntate.

Come si punta la criptovaluta?

Esistono diversi modi per iniziare a puntare sulla criptovaluta, a seconda di quanto impegno tecnico, finanziario e di ricerca sei disposto a fare. La tua prima decisione sarà se convalidare effettivamente le transazioni utilizzando il tuo computer o “delegare” la tua criptovaluta a qualcuno che sta facendo quel lavoro per te.

Le reti che supportano lo staking crittografico in genere consentono alle persone che possiedono token di fornirli ad altri utenti per la convalida delle transazioni, guadagnando così una parte dei premi.

Usando un exchange

L’opzione più semplice è utilizzare un servizio online per puntare i tuoi token per te. Alcuni popolari exchange di criptovalute offrono lo staking in cambio di una commissione. Rob Margolis, capo della criptovaluta nativa di BlockFi, una società di servizi finanziari focalizzata sulle criptovalute, afferma che la maggior parte degli investitori è probabilmente meglio servita utilizzando le risorse fornite da un exchange.

“Se lo guardi dal punto di vista dell’utente medio, molte delle principali piattaforme centralizzate offrono un servizio di staking e lo fanno con i migliori fornitori di infrastrutture nello spazio”, afferma Margolis, che supervisiona le relazioni con i clienti BlockFi, come come minatori di criptovalute, fondi e aziende.

Exchange che offrono lo staking

Degli exchange di criptovalute recensiti da NerdWallet, tre offrono lo staking per almeno alcuni asset crittografici: Binance, Coinbase ed eToro.

Entrare in uno Staking Pool

Se non vuoi fidarti di uno scambio per prendere le tue decisioni di staking per te – o se non riesci a trovarne uno che supporti il ​​token che vuoi scommettere – puoi unirti a quello che è noto come uno “staking pool” gestito da un altro utente. Per fare ciò, probabilmente dovrai sapere come utilizzare un portafoglio crittografico per connettere i tuoi token con il pool del validatore.

I siti Web ufficiali di molte blockchain proof-of-stake includono informazioni su come ricercare i validatori, inclusi collegamenti a dettagli su come funzionano. Alcuni dati potenzialmente utili sul sistema Ethereum, ad esempio, sono su Beaconcha.in. Omkar Bhat, responsabile dell’ingegneria dei dati presso la società di analisi di Boston Flipside Crypto, ha suggerito di esaminare attentamente il track record di un potenziale validatore.

Alcune informazioni pubblicamente disponibili possono aiutarti a vedere se un operatore di pool è mai stato penalizzato per errori o illeciti, e alcune definiscono le loro politiche per proteggere le persone che delegano i token. Altri dettagli che puoi guardare includono il livello di tasse o commissioni.

Bhat dice che è bene scegliere un pool stabilito, anche se potresti non voler scegliere il più grande in assoluto. Le blockchain dovrebbero essere decentralizzate, quindi c’è un argomento per impedire a qualsiasi gruppo di accumulare troppa influenza. “Le persone spesso delegano a validatori con potere di voto inferiore per aumentare la decentralizzazione di un ecosistema”, afferma Bhat.

Diventare un validatore

Configurare la propria infrastruttura di staking può essere complicato. Richiede l’attrezzatura informatica e il software adeguati e il download di una copia dell’intera cronologia delle transazioni di una blockchain. Può anche avere un costo di ingresso elevato.

Sulla rete Ethereum, ad esempio, dovresti iniziare con almeno 32 ETH, che il 21 ottobre 2021 varrebbero circa $ 136.000. Lo staking tramite un pool o tramite un servizio online non comporta tali requisiti.

Che tipo di rendimenti offre lo staking?

I premi per lo staking variano in base alla criptovaluta, alle condizioni (come la domanda sulla rete blockchain in questione) e al metodo che utilizzi. Ma le tariffe offerte dagli scambi offrono alcune informazioni su ciò che puoi aspettarti.

Binance, ad esempio, stimava alla fine di ottobre 2021 che i premi annuali per lo staking algo sarebbero stati compresi tra l’8 e il 10%. Coinbase aveva anche un rendimento percentuale annuo del 4% ed etere a un tasso percentuale annuo del 4,5%. Per fare un confronto, i rendimenti sui conti di risparmio recensiti da NerdWallet sono generalmente intorno allo 0,5% APY. L’interesse medio per i conti di risparmio statunitensi è dello 0,06% APY, secondo la Federal Deposit Insurance Corp.

Staking è la scelta giusta?

Lo staking potrebbe non essere adatto a tutti. Ci sono alcune domande da porre prima di prendere una decisione sull’opportunità di puntare la tua criptovaluta.

Avrai bisogno di accedere alla tua criptovaluta in stake? Lo staking di criptovalute può comportare l’impegno delle tue risorse per un determinato periodo di tempo durante il quale potresti non essere in grado di venderle o scambiarle. Se pensi di poter spostare la tua criptovaluta con breve preavviso, assicurati di leggere attentamente i termini prima di metterla in staking.

È importante ricordare che le criptovalute sono un asset volatile. Sebbene lo staking di criptovalute possa fornire una misura della prevedibilità dei rendimenti degli investimenti, se il valore di mercato della tua criptovaluta scende del 20% durante il periodo di staking, ad esempio, i premi che ottieni potrebbero non sembrare così attraenti.

Credi nel progetto?

In definitiva, decidere di mettere in gioco la tua criptovaluta potrebbe dipendere dal fatto che tu sia sicuro che sia un buon investimento a lungo termine. Se credi nel valore della rete Ethereum, ad esempio, le oscillazioni di prezzo quotidiane potrebbero non influenzare il tuo desiderio di vendere. Margolis afferma che lo staking, tuttavia, è una cosa che puoi fare per ottenere un valore a breve termine da un investimento in criptovalute che vuoi mantenere.

“Se detieni [token] nel tuo portafoglio perché hai una visione fondamentale sottostante dell’asset, allora la domanda è: cosa vuoi fare con quell’asset mentre si trova nel tuo portafoglio?” lui dice. Lo staking e i relativi rischi e benefici potrebbero essere la risposta per alcuni.

Info su Federico Lombardi

Federico Lombardi, Redattore di criptovalute.info, è laurato in Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Si occupa di scrivere contenuti a tema Criptovalute, NFT, Blockchain. Con forti competenze tecniche è uno degli esperti che lavora nel settore e scrive anche contenuti su queste tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.