martedì , 6 Dicembre 2022

Stablecoin: Cosa Sono e Come Funzionano

L’universo delle stablecoin ha raggiunto quasi 40 miliardi di dollari di offerta e, a gennaio 2021, il volume delle transazioni mensili ha superato i 200 miliardi di dollari. Per tutti i titoli comandati da Bitcoin, la vera storia nelle criptovalute potrebbe essere le stablecoin, che rappresentano la migliore opportunità per consentire alle risorse digitali di scalare nei servizi finanziari quotidiani.

Le stablecoin stanno emergendo come la risposta del settore privato alle valute digitali della banca centrale, con titoli come PayPal, Diem supportato da Facebook e stablecoin cripto-nativi pronti a utilizzare questi strumenti per trasformare i pagamenti e altri servizi finanziari. Invece di un Big Bang, tuttavia, è probabile che la transizione sia graduale. Ci sono molti attriti, non ultima la regolamentazione in arrivo, che potrebbe dare impulso al settore o limitarne le prospettive.

Origini e usi

Un rapporto di ricerca recentemente pubblicato dai media e dalla società di consulenza statunitensi The Block offre una visione completa del settore in rapida crescita, spiegando come potrebbe uscire dalla sua nicchia cripto e avere un impatto molto più ampio, nonché gli impedimenti normativi e di mercato che deve superare. Gli emittenti di stablecoin hanno iniziato prendendo di mira gli appassionati di criptovalute e i trader, ma ora stanno esaminando pagamenti, rimesse e fungono da gateway in entrata e in uscita dalle criptovalute per banche, gestori patrimoniali e altre istituzioni finanziarie.

Le stablecoin sono rappresentazioni digitali di valuta fiat che vivono su blockchain. Questi “criptodollari” sono token crittografici che circolano su blockchain pubbliche e mirano a tracciare il ritorno delle valute sovrane. La maggior parte di essi è convertibile in dollari effettivi in ​​conti bancari, il che li rende essenzialmente beni al portatore, in forma digitale. Le prime stablecoin sono emerse nel 2014 e 2015 come risposta all’elevata volatilità di Bitcoin, Ethereum e altre criptovalute, che necessitavano di uno stabilizzatore per poterle utilizzare come mezzo per trasferire denaro all’interno del mondo cripto. Ad oggi, la blockchain di Ethereum è stata la scelta preferita su cui lanciare le stablecoin.

Gli scambi non regolamentati che non hanno accesso al fiat banking, come Binance, Huobi e OKEx, hanno trovato questi inestimabili “sui rampe” per i partecipanti al dettaglio e aumentare le proprie basi di deposito di valuta fiat.

Progettazione

Fondamentalmente, le stablecoin sono pensate per essere stabili rispetto a un benchmark (indipendentemente dalla volatilità dell’attività sottostante). La loro progettazione, tuttavia, varia. La più comune è la stablecoin fiat collateralizzata, emessa da una terza parte e supportata da un’unica valuta fiat, equivalenti in contanti o un paniere di più valute fiat.

Tether è di gran lunga la più grande stablecoin in circolazione ed è presumibilmente supportata da un caveau di dollari USA. Altri in questo senso (e con più credibilità) includono USDC e Paxos. Diem (precedentemente noto come Libra) potrebbe essere lanciato quest’anno come combinazione, con una moneta multivaluta e una serie di versioni a valuta singola. Un altro tipo di stablecoin è quello che si basa su risorse criptografiche per la garanzia, piuttosto che fiat, sebbene siano “soft agganciate” a una base fiat. Data la natura non testata di questi progetti, il mercato richiede che siano eccessivamente garantiti. È fondamentalmente un IOU tokenizzato.

Le stablecoin sovracollateralizzate di cripto-asset sono più decentralizzate, il che ha il suo fascino nel mondo della DeFi, o finanza decentralizzata. Ma sono più difficili da scalare perché la crescita dipende dalla domanda per usarli come prestiti. Il terzo tipo di stablecoin è la stablecoin algoritmica o non collateralizzata. Questi hanno un’offerta flessibile che è governata da un software per incentivare gli operatori del mercato ad acquistare o vendere, al fine di mantenere la stabilità dei prezzi rispetto alla valuta sottostante. Ciò richiede un doppio o addirittura triplo strato di token, uno un token di utilità che rappresenta la rete e la sua governance e altri che rappresentano azioni o obbligazioni emesse o bruciate per mantenere i livelli di mercato.

La complessità delle stablecoin algo e il rischio che i regolatori considerino alcuni dei loro token titoli, ha impedito una grande storia di successo in questo trimestre. Il più grande è Dai, che rappresenta il 4,3% dell’emissione totale di stablecoin, ma è il più volatile tra i principali stablecoin.

Tether

Sebbene il mondo delle stablecoin offra molta varietà, di gran lunga la narrativa principale è intorno a Tether. Esistono circa 50 diverse stablecoin live, emesse da 25 società, con un’offerta totale di 38,5 miliardi di dollari. Di questo, il 99,5% è ancorato al dollaro USA e il 70% del totale è costituito da Tether, o USDT. Il suo concorrente più vicino è USDC, anch’esso legato al dollaro, e sebbene USDC sia ampiamente considerato più credibile (come in, ha effettivamente i dollari di riserva che afferma di avere), è solo il 15,8% del valore delle stablecoin in circolazione.

Stablecoin
Stablecoin

Il rapporto di Block afferma: “Tether non ha eguali quando si tratta di volume di scambi sugli scambi centralizzati”. Nel gennaio 2021, ha registrato un volume di 495 miliardi di dollari. Ciò è in parte dovuto al fatto che Tether gode di un effetto di rete: le persone lo usano perché le persone lo usano. A differenza di USDC e di altri rivali, anche Tether non è associato agli Stati Uniti, quindi viene utilizzato da persone al di fuori della giurisdizione degli Stati Uniti che desiderano un’esposizione al dollaro USA, da qui la sua popolarità negli scambi di criptovalute asiatici e il suo agire come un eurodollaro digitale.

Sebbene Tether sia desideroso di espandersi in micropagamenti o altri usi, la sua principale ragion d’essere è per i trader che hanno bisogno di una stablecoin per spostare denaro tra le borse, passare a fiat o utilizzare come garanzia per posizioni future. Tether ha stampato monete a un ritmo furioso poiché il valore di Bitcoin è salito alle stelle. Il rapporto Block spiega che la maggior parte dei minatori di Bitcoin sono in Cina e pagano le loro spese operative (elettricità, ecc.) in Tether prendendoli in prestito contro il Bitcoin che stanno creando.

L’emissione di Tether ha avuto il suo primo grande aumento nel marzo 2020, quando il prezzo di Bitcoin è crollato in linea con tutti gli altri asset di rischio, nel grande selloff di COVID-19. Ciò ha distrutto il valore del collaterale Bitcoin dei minatori, quindi hanno iniziato a comprare Tether.

Ciò ha avuto un effetto a catena anche nel mondo degli scambi di derivati. BitMEX, allora leader nei derivati ​​criptografici, insisteva sul bitcoin come garanzia per i suoi swap e futures perpetui. Altri scambi consentiti garanzie in dollari USA – includono dollari espressi come Tether. BitMEX, tra interruzioni di corrente e successive accuse da parte del governo degli Stati Uniti di riciclaggio di denaro, ha visto i concorrenti alimentati da Tether superarlo completamente da allora.

L’aumento del collaterale in dollari USA su sedi come Binance, Huobi e OKEx ha reso Tether, non Bitcoin, il più grande attore nel trading di criptovalute. Oggi il 60% di tutto il volume è denominato in Tether e un altro 4% in altre stablecoin, secondo la ricerca di The Block. Solo l’11% circa proviene da coppie di Bitcoin.

Anche Tether è controverso. I suoi sostenitori sono legati a uno scambio di criptovalute, Bitfinix, e sono stati trovati dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per aver mentito sulle loro partecipazioni in dollari, che la società ha sempre cercato di mantenere opaco. La società si è recentemente conclusa in via stragiudiziale. Gli operatori del mercato hanno detto a DigFin che fare affidamento su Tether è “pericoloso”, ma la domanda rimane solida. Il rapporto del Block alludeva in modo obliquo a questi sviluppi, suggerendo ai lettori di “fare le proprie ricerche”.

Altre Stablecoin

È probabile che altre stablecoin conquistino quote di mercato man mano che i loro casi d’uso diventano più rilevanti. USDC è già preferito per le transazioni di piccolo valore. Una stablecoin coreana, TerraKRW, si mostra promettente come stablecoin algoritmica per i commercianti locali: sta lottando per scalare al di fuori della Corea, soprattutto perché andrebbe contro i portafogli elettronici gestiti da WeChat Pay e LINE. Ma potrebbe essere un esempio per altre monete locali.

La crescita della finanza decentralizzata, o DeFi, ha anche potenziato l’uso delle stablecoin. Il valore totale del mondo DeFi ha superato i 30 miliardi di dollari a gennaio, contro solo 1 miliardo di dollari circa 18 mesi fa. Le stablecoin aiutano con il prestito e il trading non di custodia e, man mano che le applicazioni DeFi si espandono, ci saranno nuove richieste di stablecoin.

Infine, se Diem, PayPal o altri lanceranno le loro stablecoin quest’anno, ciò fornirà un enorme impulso al mercato, oltre a creare nuovi prodotti. Questi potrebbero non competere con Tether nello spazio commerciale, ma potrebbero diventare importanti ponti tra il mondo tradizionale della finanza e delle criptovalute e rendere possibili pagamenti, regolamento transfrontaliero, credito e altri servizi in forma digitale, in particolare se sono in grado di interagire con forme di denaro pubbliche, ovvero CBDC.

Regolamentazione

Questa prospettiva rosea si baserà su una regolamentazione appropriata. I governi stanno adottando approcci diversi alle stablecoin. Il rapporto del Block entra nei dettagli su alcune di queste iniziative negli Stati Uniti e in Europa. In entrambi i casi, le autorità tendono a considerare le stablecoin come estensioni dei pagamenti tradizionali. Vedono valore nella capacità delle stablecoin di fungere da riserva di valore e da mezzo di pagamento: due definizioni classiche di denaro.

Ma le autorità non sembrano considerare le stablecoin come unità di conto. Questo è il terzo ruolo classico del denaro. Questo approccio è probabilmente deliberato, poiché i governi continueranno a difendere il primato della valuta fiat sovrana come arbitro dei prezzi. Questa visione resterà vera finché le stablecoin verranno utilizzate come rampe di accesso alle criptovalute. Sembra meno rilevante per i progetti cripto-nativi, come nello spazio DeFi.

I governi non sono d’accordo su come gestire l’ascesa delle stablecoin e delle criptovalute in generale. Sono giustamente preoccupati che le criptovalute eludano protezioni ragionevoli, come le norme antiriciclaggio. All’interno degli Stati Uniti, alcuni regolatori come l’Office of the Comptroller of the Currency, hanno espresso opinioni progressiste e pro-stablecoin. Altre autorità e politici vogliono imporre regolamenti bancari al settore, di solito per proteggere gli investitori e i loro dati, sebbene il rapporto The Block abbia notato la possibilità che alcuni attori del governo vogliano proteggere le banche.

Sia Washington che Bruxelles potrebbero approvare leggi che limitino l’innovazione nei pagamenti digitali e nelle riserve di valore nelle loro giurisdizioni. Portata all’estremo, alcune proposte legislative potrebbero minacciare gli stessi protocolli blockchain sottostanti, come Ethereum, su cui opera la maggior parte delle stablecoin. Ma i regolatori potrebbero anche aiutare le stablecoin a realizzare il loro potenziale, come meccanismi per la trasmissione, l’archiviazione e la regolazione del valore utilizzando l’infrastruttura a registro distribuito.

Info su Federico Lombardi

Federico Lombardi, Redattore di criptovalute.info, è laurato in Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Si occupa di scrivere contenuti a tema Criptovalute, NFT, Blockchain. Con forti competenze tecniche è uno degli esperti che lavora nel settore e scrive anche contenuti su queste tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.