giovedì , 18 Agosto 2022

SEC: Il fondatore della nota truffa BitConnect non è ancora rintracciabile

  • Il fondatore dello schema Ponzi BitConnect da 2,4 miliardi di dollari Satish Kumbhani non è ancora stato trovato.
  • Kumbhani è stato accusato di frode, gestione di un’attività di trasmissione di denaro senza licenza, ecc.
  • La SEC non è sicura di quando i suoi sforzi porteranno alla localizzazione di Kumbhani, o se sarà localizzato affatto.

Satish Kumbhani, fondatore dello scambio di criptovalute BitConnect, rimane irrintracciabile dopo l’accusa di uno schema Ponzi da 2,4 miliardi di dollari da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

La US Securities and Exchange Commission (SEC) ha detto in un documento del tribunale che la posizione di Kumbhani non è ancora nota. La SEC ha anche notato che l’ultima posizione conosciuta di Kumbhani era nel suo paese natale, l’India. Tuttavia, è rimasto irrintracciabile da quando la SEC ha accusato il suo promotore dello schema Ponzi BitConnect per aver frodato gli investitori americani di oltre 2 miliardi di dollari.

Nel suo deposito di lunedì, la SEC ha notato che il fondatore condannato è molto probabilmente fuggito in un paese straniero. La Commissione ha dichiarato inoltre che non è chiaro quando i loro sforzi per localizzarlo avranno successo, o se avranno successo affatto.

Il fondatore di BitConnect è stato accusato di frode telematica, gestione di un’attività di trasmissione di denaro senza licenza, così come tre cospirazioni: commettere frode telematica, manipolazione dei prezzi delle materie prime, e riciclaggio di denaro internazionale.

Per coloro che non sono stati nello spazio delle criptovalute nei suoi primi anni, la saga di BitConnect è iniziata nell’era delle ICO ed è stata tra i progetti più evidenziati e discussi all’epoca. Il progetto è stato fondato nel 2016 ed è diventato un fenomeno globale entro la metà del 2017, poiché ha raccolto miliardi di dollari dagli investitori di tutto il mondo.

BitConnect ha promesso agli investitori un programma di prestito che sarebbe stato basato su un “trading bot” proprietario e un “software di volatilità” che avrebbe offerto loro un guadagno del 10% attraverso il token BCC nativo della piattaforma.

Il BCC ha raggiunto un prezzo di scambio di tutti i tempi al culmine della corsa al toro del mercato delle criptovalute del 2017, raggiungendo un market cap di 3,4 miliardi di dollari. Sfortunatamente, i fondatori del progetto hanno orchestrato un colpo di scena che ha visto il prezzo del token crollare vicino allo zero. Questo ha portato a massicce perdite per gli investitori e una protesta pubblica.

Info su Veronica Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.