giovedì , 18 Agosto 2022

Ripple dona 1 milione di dollari all’Ucraina; UNHCR, WCKitchen Share Fund

  • Ripple è pronto a donare 1 milione di dollari agli sfollati in Ucraina.
  • UNHCR e World Central Kitchen condivideranno questa somma.
  • Entrambe queste organizzazioni hanno aiutato il governo ucraino.

Da quando è iniziata la crisi tra Russia e Ucraina, l’Ucraina ha guadagnato costantemente supporto da diversi paesi, organizzazioni e aziende di criptovalute. Da quando gli attacchi sono iniziati il 24 febbraio, diverse organizzazioni hanno prestato il loro sostegno e solidarietà sotto forma di fiat, criptovalute, cibo, attrezzature e anche post sui social media.

Recentemente, in un post su Twitter, Ripple ha parlato del suo sostegno di 1 milione di dollari per l’Ucraina. Questa somma sarà divisa tra l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e World Central Kitchen (WCK). Il team Ripple intende rafforzare gli sforzi intrapresi da entrambe le organizzazioni che stanno aiutando l’esodo di persone in Ucraina verso i paesi vicini.

Oltre a questo sostegno, Ripple sosterrà anche le donazioni dei suoi dipendenti alle ONG e lavorerà con la comunità globale XRP per sviluppare un programma di donazione diretta crypto-to-cash per gli ucraini.

A partire da ieri, Elliptic analytics riporta che le donazioni di cripto in Ucraina hanno superato un importo stimato di 54,7 milioni di dollari che equivale a oltre 102.000 donazioni di cripto asset. Inoltre, le donazioni hanno preso la forma di NFT e monete stabili. In dettaglio, le donazioni di bitcoin ed Ethereum sono aumentate dall’invasione.

In un Tweet dell’UNHCR, ha detto che circa 1 milione di persone sono ora emigrate nei paesi vicini come la Polonia.

Il post recitava:

1.000.000 di persone sono ora fuggite dall’azione militare in Ucraina per trovare sicurezza nei paesi vicini. Sono 1.000.000 di rifugiati che hanno bisogno del nostro sostegno.

Fondata dallo chef José Andrés nel 2010, WCK è un’organizzazione non governativa senza scopo di lucro che fornisce pasti per le persone colpite dalle conseguenze di disastri naturali o crisi di guerra. Sulla scia dell’invasione russa, l’organizzazione ha lavorato efficacemente in prima linea per servire gli sfollati dell’Ucraina.

Nel frattempo, l’UNHCR lavora per proteggere e dare rifugio ai rifugiati in tutto il mondo. È radicata per garantire l’assistenza di emergenza durante i periodi di sfollamento.

Info su Veronica Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.