martedì , 6 Dicembre 2022

Polkadot (DOT) Criptovaluta

Polkadot, creata da Wood, un informatico britannico che ha anche co-fondato Ethereum, è una piattaforma che consente a diverse blockchain di trasferire valore in modo affidabile e condividere le loro caratteristiche uniche utilizzando un canale sicuro. Wood vede la rete Polkadot come la risposta all’aggiornamento della rete 2.0 di Ethereum attualmente in fase di sviluppo.

Polkadot ha concentrato la sua attenzione sul diventare una rete completamente scalabile ed eterogenea focalizzata sulla creazione di una tecnologia multi-catena. Web3 Foundation, l’organizzazione svizzera che gestisce la rete, ha descritto Polkadot come una “blockchain di nuova generazione”

Polkadot è iniziato con un white paper che Wood ha pubblicato nel 2016. Wood, un ex CTO di Ethereum, è noto per aver scritto il linguaggio di programmazione Solidity di Ethereum durante il suo periodo con la Fondazione Ethereum. Lavorando a stretto contatto con il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin nel 2015, secondo quanto riferito Wood è rimasto costernato quando l’inizio proposto per lo sviluppo di Ethereum 2.0 è stato ritardato. Wood ha lasciato Ethereum nel 2016 per costruire una versione frammentata di Ethereum. Successivamente, ha avviato la Fondazione Web3, che si concentra sulla ricerca e lo sviluppo di tecnologie decentralizzate, tra cui Polkadot.

Wood e Jutta Steiner, ex capo della sicurezza di Ethereum, hanno anche co-fondato Parity Technologies, che aveva il compito di continuare lo sviluppo di Polkadot.

Polkadot è nato dal progetto precursore Kusama nel 2019 come rete canarino non certificata. La funzione canary (pensa a “canarino nella miniera di carbone”) aiuta il team di sviluppo a scoprire eventuali problemi importanti prima che vengano lanciati sulla rete principale. La rete Kusama sta già eseguendo la logica aggiornata per l’hosting di parachain, ha annunciato oggi Gavin Wood, il che significa che il lancio di parachain su Polkadot è molto vicino al lancio.

Polkadot
Polkadot

Il progetto Kusama, che ha parametri di governance più rapidi e barriere all’ingresso inferiori, è anche una rete autonoma e indipendente. L’azienda considera il sistema integrale di Kusama uno strumento per la sperimentazione e l’implementazione in fase iniziale.

Polkadot è stato lanciato per la prima volta nel maggio 2020 come protocollo di prova dell’autorità (PoA). La sua governance era controllata da un singolo account Sudo (super utente). Dopo il lancio, i validatori si sono uniti alla rete per partecipare al suo protocollo di consenso. La rete ha rapidamente abbandonato l’algoritmo di consenso della prova dell’autorità e ha adottato il protocollo PoS (Proof of Stake) ben testato il 18 giugno 2020.

Con la sua rete blockchain protetta da una comunità decentralizzata di validatori, il suo account di superutente è stato abbandonato nel luglio 2020, con la rete che ha trasferito la governance nelle mani dei suoi possessori di token DOT. Questo cambiamento di paradigma ha visto Polkadot raggiungere il suo obiettivo di diventare una piattaforma decentralizzata.

Il Token nativo di Polkadot (DOT)

Il token DOT di Polkadot è attualmente l’ottava criptovaluta per capitalizzazione di mercato al momento della pubblicazione. L’utility token fornisce funzioni di governance, bonding e staking nella rete. La funzione di governance consente ai titolari di DOT di esercitare il controllo sulla rete Polkadot. I titolari di DOT possono determinare le commissioni operative della rete, le dinamiche dell’asta e il programma per l’aggiunta di nuove paracatene. Possono anche decidere quando potrebbe essere necessario eseguire aggiornamenti e correzioni sulla piattaforma.

Inoltre, DOT svolge un ruolo attivo nella protezione della rete. Come protocollo di prova del gioco, i titolari di DOT hanno il compito di convalidare le transazioni attraverso le paracatene. Per partecipare, i titolari di DOT devono puntare i propri token DOT.

Il terzo ruolo svolto da DOT nella rete è la capacità di aggiungere nuove paracatene tenendo premuto DOT, noto come “legame”. Durante questo periodo, i token DOT non sono disponibili per l’uso e verranno rilasciati solo una volta terminato il periodo di vincolo e rimossa la paracatena.

La tecnologia architettonica di Polkadot

Polkadot opera in modo diverso dalla rete Ethereum nella sua spinta a diventare una rete blockchain eterogenea. Utilizza parachain e parathread, che si collegano alla principale Polkadot Relay Chain. Le catene si collegano anche a reti esterne tramite bridge nella piattaforma.

Polkadot comprende tre tipi di catene.

Catena relè

La catena di relè è il cuore del protocollo Polkadot. È responsabile della sicurezza condivisa, del consenso e dell’interoperabilità cross-chain della rete. È la blockchain principale della rete. Qui è dove vengono completati la trasmissione del valore e i blocchi di transazione.

La Relay Chain esegue operazioni minime alla sua interfaccia con il meccanismo, aste parachain e Nomination Proof of Stake (NPoS). La sua base di funzionalità più leggera offre alla catena di inoltro una maggiore velocità per elaborare nuove transazioni. Questo metodo unico ha visto Polkadot elaborare 1.000 transazioni al secondo (TPS), secondo un rapporto del 2020.

Paracatene

Le parachain sono blockchain indipendenti e indipendenti ospitate sulla piattaforma Polkadot. Queste blockchain personalizzate sono costruite per raggiungere scopi specifici e affrontare sfide specializzate. Sfruttano le risorse informatiche di Polkadot per convalidare l’accuratezza delle transazioni effettuate sulla rete. Ai parachain viene concessa la libertà di sviluppare i propri sistemi di governance mentre utilizzano la funzione di sicurezza condivisa di Polkadot.

Per essere idonei a gestire una paracatena su Polkadot, i progetti devono affittare uno slot sulla catena di staffetta attraverso un’asta di slot.

Parathread

I parathread condividono la stessa funzionalità dei parachain, con alcune differenze. I parathread sono parachain costruiti su un modello pay-as-you-go, piuttosto che affittando uno slot. I parathread sono principalmente adatti per progetti che non richiedono un accesso continuo alla rete.

Le altre caratteristiche di Polkadot includono:

Ponti

I bridge soddisfano l’obiettivo di interoperabilità di Polkadot. Questa importante funzionalità consente a Polkadot di connettersi e comunicare con reti esterne come Bitcoin ed Ethereum. Polkadot sta attualmente lavorando per estendere i ponti ad altre blockchain all’interno dell’ecosistema in modo che i token possano essere scambiati senza un’autorità centrale.

Nominated proof of stake (NPoS)

Polkadot utilizza un protocollo di consenso più moderno nell’algoritmo di prova del gioco nominato. Questo è progettato per massimizzare la sicurezza condivisa della rete in modo che nessun parachain sia corruttibile. La prova di puntata nominata consente a coloro che effettuano lo staking di token DOT di nominare validatori che ritengono possano servire e proteggere al meglio la rete. A differenza dell’analogo sistema di prova di partecipazione delegata, NPoS consente ai designatori di subire una perdita di partecipazione se nominano un cattivo attore.

Struttura del substrato

Substrate è un framework software sviluppato da Parity Technologies per creare blockchain personalizzati. Polkadot utilizza un framework di substrato come parte della sua tecnologia sottostante. Come sviluppato dal team Parity, Substrate consente agli sviluppatori di creare blockchain appositamente progettati senza spendere così tanto tempo o richiedere esperti nel campo della blockchain per farlo.

Substrate è inoltre un toolkit che consente l’accesso a una libreria di modelli personalizzati per aumentare la facilità di sviluppo blockchain. Il suo protocollo “Wasm” (WebAssembly) consente ai team di sviluppo di creare piattaforme di contratto intelligenti pronte all’uso.

Perché alcuni investitori credono che Polkadot possa rivaleggiare con Ethereum?

I fondatori di Polkadot si sono fatti le ossa su Ethereum. L’influenza di Ethereum può essere vista nello sviluppo dell’ecosistema di Polkadot. Molti esperti del settore vedono somiglianze tra le due reti. La straordinaria popolarità di Ethereum, tuttavia, ha anche portato alla congestione della rete, alle tariffe elevate del gas e agli utenti insoddisfatti che cercano alternative. Si prevede che l’aggiornamento di Ethereum 2.0 risolva questi problemi al momento del lancio, ma alcuni pensano che Polkadot presenti una soluzione più praticabile e scalabile. Si dice che la sua rete multi-catena eterogenea indipendente renda facile per gli sviluppatori creare e distribuire nuovi progetti in modo rapido e conveniente.

L’idea di Polkadot di un ecosistema blockchain interconnesso è un’attrazione per gli sviluppatori che desiderano sfruttare la comunità blockchain consolidata di Polkadot per creare consapevolezza per i loro progetti. I suoi modelli drag-and-drop consentono ai team di creare reti blockchain in pochi minuti invece di costruirle da zero.

Questi aggiornamenti di funzionalità hanno visto sviluppatori e investitori mostrare interesse per Polkadot. Entro quattro mesi dal lancio di Polkadot, DOT era schizzato alle stelle diventando la settima criptovaluta più grande, con una capitalizzazione di mercato di 3,7 miliardi di dollari. Da allora Polkadot è salito a 39,1 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato al momento della pubblicazione.

La visione di Polkadot per il futuro

Polkadot sembra pronto a continuare la sua missione di sviluppare una rete blockchain che operi in modo affidabile per verificare i dati e i trasferimenti di valore nella sua ricerca di un Internet decentralizzato.

All’inizio di questo mese, la rete ha lanciato “ponti” per connettere reti esterne al suo ecosistema. I bridge cercano di garantire un trasferimento rapido e sicuro di valori e dati attraverso una regola interoperabile.

Per iniziare, Web3 Foundation sta sponsorizzando alcune soluzioni per la creazione di programmi utilizzando i bridge. Questi includono il ponte di Interlay che collega Bitcoin e il ponte Ethereum di Snowfork.

Info su Federico Lombardi

Federico Lombardi, Redattore di criptovalute.info, è laurato in Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Si occupa di scrivere contenuti a tema Criptovalute, NFT, Blockchain. Con forti competenze tecniche è uno degli esperti che lavora nel settore e scrive anche contenuti su queste tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.