giovedì , 18 Agosto 2022

La difficoltà di estrazione di Bitcoin si corregge per la prima volta quest’anno

  • La difficoltà di estrazione di Bitcoin è scesa per la prima volta quest’anno.
  • L’aggiustamento del -1,49% interrompe la striscia di 6 aggiustamenti di Bitcoin.
  • Questo ha visto il tasso di hash della rete e la difficoltà di estrazione raggiungere nuovi massimi storici.

La difficoltà di mining di Bitcoin è scesa per la prima volta da novembre 2021, correggendo circa l’1,49%.

Questo calo segue una serie di sei aumenti consecutivi della difficoltà di estrazione, che ha visto la difficoltà di estrazione e il tasso di hash della rete raggiungere nuovi massimi storici.

La difficoltà di estrazione di Bitcoin si discosta dalla sua tendenza al rialzo di 8 mesi (Fonte: Glassnode)

Come si può vedere dal grafico qui sopra, la difficoltà di estrazione di Bitcoin è scesa leggermente dopo 8 mesi di ascesa.

Il tasso medio di hash della rete è sceso a 197 exahashes al secondo, il che ha portato il tempo medio di blocco a superare l’obiettivo dei 10 minuti a 10 minuti e 9 secondi. A causa della regolazione della difficoltà, i minatori che competono per risolvere il prossimo blocco della catena sono stati in grado di farlo in modo significativamente più facile.

La capacità della rete di autoregolare la sua difficoltà è una delle sue caratteristiche più importanti, e si verifica ogni 2.016 blocchi – circa ogni 2 settimane. L’aggiustamento della difficoltà di mining si basa sul numero medio di blocchi creati ogni ora, secondo il whitepaper di Bitcoin, che afferma: “Se vengono generati troppo velocemente, la difficoltà aumenta”. È vero anche il contrario.

Questa non è ovviamente la prima volta che la difficoltà di mining di Bitcoin è diminuita. L’ultimo calo di difficoltà si è verificato tra maggio e luglio dello scorso anno, in seguito al divieto della Cina sul mining di Bitcoin, ed è stato un calo significativamente più grande di quello attualmente in corso.

L’industria del mining di Bitcoin è estremamente competitiva, con giganti dell’industria tecnologica come Intel che cercano di avere un impatto sul tasso di hash della rete. Anche altri minatori approfitteranno dell’opportunità, lasciando molti minatori a credere che la difficoltà di mining tornerà alla sua tendenza al rialzo.

Info su Veronica Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.