giovedì , 18 Agosto 2022

Il mercato Crypto della Corea del Sud sale a 45 miliardi di dollari con la crescita del volume delle transazioni

  • La Corea del Sud sale nel mercato delle criptovalute con 45 miliardi di dollari nel 2021.
  • Nel mezzo, il mercato delle cripto nel paese ha affrontato alcune regolamentazioni.
  • 24 scambi di criptovalute hanno pesato quasi 11,4 trilioni di transazioni medie giornaliere.

L’anno 2021 ha mostrato un lato luminoso del mercato delle criptovalute in Corea del Sud. In mezzo ai regolamenti cripto nel paese, il mercato cripto è salito a 45 miliardi di dollari entro la fine dell’anno. Questo secondo un nuovo rapporto rivelato dalla Financial Service Commission (FSC) della Corea del Sud.

Il rapporto ha dichiarato che il volume medio giornaliero delle transazioni da 24 scambi di cripto è quasi 11,4 trilioni, con un importo di profitto di 3,4 trilioni.

Mentre si divide la quota di guadagno, la maggior parte del profitto (99,3%) proviene da quattro operatori di criptovalute con licenza: Upbit, Coinone, Bithumb e Korbit. Il restante 0,3% proviene dagli scambi di monete nel paese.

In dettaglio, la crescita dei prezzi di Bitcoin ed Ethereum ha portato all’impennata generale del mercato delle criptovalute. Nell’ultimo anno, entrambe queste criptovalute hanno triplicato il loro prezzo, attirando più investitori sul mercato.

Nel frattempo, a dare impulso all’industria cripto in Corea del Sud, la più grande banca del paese Kookmin Bank si muove per lanciare strutture cripto e Exchange Traded Funds (ETF). Il braccio di gestione patrimoniale della banca si sta preparando a introdurre prodotti crittografici attraverso una ricerca di mercato di asset digitali nazionali ed esteri.

In generale, la Corea del Sud è un paese che segue regole severe per le criptovalute. Nel 2020, il governo ha proposto un atto di modifica – Reporting and Use of Specific Financial Transaction Information.

L’atto, che è entrato in vigore nel 2021, richiede ai fornitori di servizi crittografici di aprire conti bancari con nome reale dei commercianti collegati a una banca certificata. Inoltre, introduce i requisiti AML (Anti-Money Laundering) e KYC (Know Your Company).

In seguito all’emendamento, diversi scambi di criptovalute su piccola e media scala hanno chiuso, soprattutto perché le banche si sono rifiutate di collaborare con loro.

In poche parole, l’industria cripto in Corea del Sud continua a crescere. Come mostrano diversi rapporti, non ha segni di rallentamento.

Info su Veronica Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.