mercoledì , 17 Agosto 2022

Gli Emirati Arabi Uniti rilasceranno una licenza nazionale per le criptovalute come passo verso il Fintech

  • Gli Emirati Arabi Uniti si stanno preparando a rilasciare licenze federali per i fornitori di servizi di beni virtuali.
  • Questo passo viene per attirare più imprese e investitori nel paese.
  • Le autorità emiratine stanno cercando di mantenere un equilibrio per garantire un ambiente business-friendly.

Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) sono pronti a rilasciare licenze federali per i fornitori di servizi di beni virtuali (VASP) entro la fine del primo trimestre del 2022.

Gli Emirati Arabi Uniti mirano ad attrarre più imprenditori e uomini d’affari. In particolare, la Securities and Commodities Authority del paese è nella fase finale del processo che alla fine permetterà ai VASP di essere istituiti.

Questo processo è nelle sue fasi finali, poiché l’autorità ufficiale ha rivelato che alcune delle zone franche finanziarie della nazione hanno già rilasciato i permessi. Un esempio è il Dubai Multi Commodities Center (DMCC), che ha già concesso 22 permessi. Allo stesso modo, l’Abu Dhabi Global Market ha concesso 6 permessi, secondo alcuni registri governativi.

Nonostante i funzionari degli EAU esprimano sentimenti positivi, c’è ancora un certo grado di cautela. Gli EAU sono severi nel prevenire qualsiasi violazione e crimine finanziario. Questo per mantenere l’ambiente business-friendly che il paese è riuscito a coltivare.

I funzionari degli EAU hanno anche detto che il governo vuole costruire un ecosistema regolato per il crypto mining, un’industria che consuma molta elettricità e che porta a molti impatti negativi sulle emissioni di gas serra.

C’è un potenziale per le aziende rinomate per aiutare gli EAU a competere contro i centri finanziari rivali a livello globale. Questi includono Singapore e Hong Kong, che sono centri leader nella creazione di ecosistemi regolamentati per il trading di criptovalute.

Alcune aziende che hanno aperto un negozio sono il frontrunner Binance, lo scambio di criptovalute BitOasis con sede a Dubai, e lo scambio Kraken con sede a San Francisco.

Gli Emirati Arabi Uniti sono attualmente il terzo più grande mercato di cripto in Medio Oriente, dopo Libano e Turchia, con un volume di transazioni di 26 miliardi di dollari, secondo i dati da luglio 2020 a giugno 2021.

Info su Veronica Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.