lunedì , 1 Agosto 2022

Cos’è la Defi (Finanza Decentralizzata)

Il termine finanza decentralizzata, o DeFi, risale a una chat di Telegram nel 2018. Fu allora che un gruppo di sviluppatori di software e imprenditori stava cercando di decidere come chiamare il loro movimento di servizi finanziari di nuova generazione che sarebbero stati automatizzati, costruiti su una blockchain , e in grado di eliminare le banche tradizionali.

Tre anni dopo e la DeFi è un grande business. Un utente con un portafoglio crittografico può scambiare risorse digitali, ottenere prestiti o stipulare un’assicurazione, tra molte altre cose. Circa 90 miliardi di dollari di garanzie sono bloccate in questi servizi e più di 10 milioni di persone hanno scaricato MetaMask, uno dei portafogli digitali più popolari utilizzato per aprire l’accesso a queste reti.

Le radici della finanza decentralizzata provengono dal whitepaper bitcoin del 2008 che ha stabilito la struttura per un nuovo sistema per il denaro digitale; quelle creazioni sono esplose in qualcosa di più grande quando Ethereum è stato inventato pochi anni dopo. “Bitcoin voleva essere denaro peer-to-peer”, ha scritto Camila Russo, fondatrice del servizio di notizie sulle criptovalute The Defiant, nel suo libro The Infinite Machine. “Etherum voleva essere tutto peer-to-peer.”

DeFi è un amalgama di crittografia, finanza e sviluppo software e tende a essere avvolto dal proprio lessico e gergo. Prendiamo un pezzo alla volta.

Cos’è la DeFi?

Uno degli inquilini principali della finanza decentralizzata è che è, beh, decentralizzata. Prendi il bitcoin, ad esempio: l’asset crittografico originale è fondamentalmente un libro mastro (la sua blockchain) che è decentralizzato perché le transazioni sono registrate in database su molti computer diversi. Quel singolo record (memorizzato in molti database) è protetto con crittografia e i computer si tengono d’occhio a vicenda per assicurarsi che non sia stato manomesso.

La decentralizzazione fa parte di ciò che rende difficile uccidere i bitcoin. Nessuna singola parte è al comando, quindi è quasi impossibile per qualcuno cambiare le regole che governano la moneta virtuale. Allo stesso modo, anche se un governo riesce a impedire a un gruppo di computer di supportare bitcoin, l’asset digitale può continuare a funzionare perché altri computer sulla rete conservano un registro completo delle transazioni e possono continuare a gestire il tutto.

DeFi porta questo concetto un passo avanti. Gli scambi e i sistemi di prestito decentralizzati utilizzano blockchain come la rete Ethereum, proposta dal programmatore canadese-russo Vitalik Buterin nel 2013. Mentre la blockchain di bitcoin è stata progettata per tenere traccia delle transazioni bitcoin, la blockchain di Ethereum è stata creata per ospitare programmi. Pensa a Ethereum come a un computer decentralizzato per il quale gli sviluppatori di software possono creare applicazioni (dApp). I computer che forniscono potenza di elaborazione per Ethereum vengono premiati con ether, che ora è il secondo asset crittografico più prezioso dietro bitcoin. Come il bitcoin, la rete Ethereum è difficile da chiudere o corrompere.

Governance

Il processo decisionale, o governance, nelle organizzazioni DeFi, dalle commissioni che addebitano agli utenti ai prodotti che offrono, è spesso pensato per essere decentralizzato. (Se il sistema politico degli Stati Uniti è una democrazia rappresentativa, pensa alla DeFi come democrazia diretta.) Una singola persona o un piccolo gruppo di persone potrebbe guidare un’applicazione decentralizzata all’inizio, ma spesso cercano di allontanarsi man mano che il progetto acquista slancio, cedendo il controllo alla comunità che lo utilizza. Tale transizione potrebbe essere sotto forma di un’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO), che ha le sue regole e i suoi regolamenti incorporati nel codice di programmazione e può emettere token di governance, che danno ai detentori di quelle monete voce in capitolo nelle decisioni.

Peer to Peer

Una delle innovazioni chiave di bitcoin è stata la capacità per due utenti di effettuare pagamenti digitali direttamente tra loro. Questo è facile da fare nel mondo fisico usando carta o denaro di metallo. Ma fino a quando non è arrivato il bitcoin, l’unico modo per farlo elettronicamente era attraverso una banca o una società di pagamento come PayPal.

Passare attraverso queste terze parti lascia un’impronta digitale che può essere monitorata e quelle aziende potrebbero essere potenzialmente “censurate” dal governo, ad es. pressioni per impedire transazioni per motivi politici o di altro tipo. Bitcoin è stato concepito per aggirare questo problema, come una forma digitale di denaro per i pagamenti peer-to-peer.

Le app DeFi possono anche essere peer-to-peer. In una tradizionale operazione di compravendita di azioni, un ordine potrebbe essere elaborato attraverso una serie di intermediari – un broker e uno scambio, tra gli altri – mentre le azioni stesse sono detenute presso una banca di custodia, che dovrebbe evitare che i titoli vadano persi o rubato.

Al contrario, uno scambio DeFi (DEX) non ha questi intermediari. Se utilizzi Uniswap, uno scambio decentralizzato costruito sulla piattaforma Ethereum, per scambiare token crittografici, tali risorse finiranno direttamente nel tuo portafoglio crittografico, facilitato dai programmi automatizzati di Uniswap noti come contratti intelligenti. Ciò significa che ci sono meno parti che prendono una parte della tua transazione.

DeFi
DeFi

ICO e NFT

Blockchain ha consentito una serie di corse all’oro digitali da quando è stata inventata 13 anni fa. Due di questi sono offerte iniziali di monete (ICO) e token non fungibili (NFT).

OFFERTE INIZIALI DI MONETE (ICOS)

Le ICO sono un tipo di crowdfunding e vengono spesso utilizzate per raccogliere fondi per progetti di software open source. In cambio di capitale, gli investitori ICO ottengono un token unico che potrebbe dare loro accesso alle funzionalità speciali del software… o potrebbe non consentire loro l’accesso a molto.

Le ICO possono sembrare un po’ un’offerta di azioni, troppo simili alle offerte di azioni, infatti, per la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti; le offerte di monete possono mancare di guardrail come la divulgazione e la revisione che un’offerta pubblica iniziale (IPO) dovrebbe fornire nel mercato azionario regolamentato.

Secondo CB Insights, le ICO hanno raccolto oltre 7 miliardi di dollari nel 2018, prima di precipitare di circa il 95% a 371 milioni di dollari nel 2019, i dati dell’ultimo anno erano disponibili, quando i regolatori hanno represso.

TOKEN NON FUNGIBILI (NFT)

Gli NFT sono un po’ come una carta collezionabile in edizione limitata, solo online. Proprio come la blockchain consente agli utenti di dimostrare la proprietà dei propri bitcoin, allo stesso modo consente alle persone di creare risorse digitali uniche come oggetti da collezione e arte. Una delle vendite NFT più note è stata un’opera di Beeple, l’artista noto anche come Mike Winkelmann, che ha venduto un collage tramite un’asta da Christie’s per 69 milioni di dollari. A differenza di un MP3 musicale, che può essere copiato e incollato all’infinito, gli NFT sono progettati per essere unici nel loro genere e per avere un proprietario alla volta.

Questi acronimi sono più di una semplice corsa all’oro, afferma Matthew Leising, autore di Out of the Ether. Le ICO hanno offerto alle startup e agli sviluppatori di software un modo per raccogliere fondi senza l’aiuto di una banca di investimento o il sostegno di una società di venture capital. Allo stesso modo, gli NFT possono offrire a musicisti e artisti visivi un nuovo modo per monetizzare il loro lavoro. “Le NFT sono davvero interessanti perché hanno dimostrato che un articolo digitale può essere scarso”, afferma Leising.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della DeFi?

La forza di DeFi può essere anche la sua debolezza:

Il decentramento rende DeFi difficile da censurare o eliminare, ma richiede un calcolo pesante. Il mantenimento di un database e di record su una rete di molti computer rallenta le cose e può rendere le transazioni più costose. Ethereum è la blockchain più popolare per le applicazioni DeFi, ma l’enorme quantità di calcolo attualmente in corso sta aumentando le tariffe e impantanando la rete.

Mentre gli sviluppatori di Ethereum cercano di trovare modi per renderlo più scalabile, altre catene come Solana e Avalanche stanno prendendo slancio. “È davvero difficile ottenere prestazioni dalle blockchain”, afferma Emin Gün Sirer, informatico alla Cornell University e consulente di Avalanche. DeFi elimina gli intermediari come le banche di custodia, che dovrebbero mantenere le risorse (di solito token digitali) al sicuro. Ciò significa che non devi preoccuparti che un istituto finanziario fallisca e porti con sé le tue partecipazioni, o che un governo sequestri i tuoi token e li confisca. D’altra parte, l’unica cosa che tiene al sicuro le tue proprietà sei tu e il tuo passcode. Se perdi quel passcode (o qualcuno lo ruba), i tuoi beni sono andati per sempre.

I parvenu DeFi spesso pretendono di essere disponibili per chiunque. Potresti essere in grado di ottenere un prestito o scambiare monete virtuali senza credenziali finanziarie tradizionali come l’identificazione o un punteggio di credito. Questa libertà promette di estendere i servizi finanziari a parti del mondo che non li hanno sempre avuti, o dove i servizi sono costosi o soggetti a frode o confisca. Ma puoi facilmente vedere il lato negativo: se non c’è un’entità che tiene traccia di chi sta utilizzando un servizio o dove si trovano, i sistemi potrebbero essere utilizzati da criminali o andare contro le sanzioni. Il giro di vite regolamentare è già iniziato.

Le blockchain si sono rivelate piuttosto difficili da decifrare, ma i contratti e le app intelligenti che vengono eseguiti su queste catene sono intelligenti quanto le persone che le hanno progettate. Il codice è tipicamente open-source, il che significa che tutti possono vederlo e con cui innovare, ma questo rende anche più facile l’attacco degli hacker. Al giorno d’oggi molto più codice di programmazione viene verificato per bug e vulnerabilità e un numero crescente di persone comprende la necessità di una verifica formale (un processo che utilizza algoritmi per analizzare altri algoritmi per individuare eventuali problemi), ma un sacco di soldi sta ancora andando in codice che non ha non è stato puntellato in quel modo, disse Sirer di Cornell.

Tre dApp che dovresti conoscere

UNISWAP

Uniswap, uno scambio decentralizzato (DEX), è stato creato da Hayden Adams, un ingegnere meccanico di New York. L’idea è nata dai post scritti dal fondatore di Ethereum Buterin sullo sviluppo di un market maker automatizzato e di uno scambio decentralizzato. Al giorno d’oggi, Uniswap facilita $ 1 miliardo o più nel trading quotidiano di criptovalute e i suoi token di governance, UNI, hanno un valore di mercato di circa $ 12 miliardi secondo CoinGecko, un sito Web di criptovalute.

AAVE

Aave è stata fondata dallo studente di legge Stani Kulechov nel 2017 (originariamente chiamato ETHLend). La piattaforma consente agli utenti di prestare e prendere in prestito token crittografici; Gli utenti hanno messo circa 14 miliardi di dollari di garanzie per prestiti sulla rete, secondo Defi Pulse.

MAKERDAO

MakerDAO è una piattaforma di prestito e prestito che utilizza Dai, una stablecoin legata al dollaro USA. MakerDAO è stato avviato nel 2014 e co-fondato da Rune Christensen. Sul suo sito Web, MakerDao afferma che è una delle più grandi applicazioni decentralizzate sulla blockchain di Ethereum e la prima applicazione DeFi a ottenere un’adozione seria. Gli utenti hanno depositato sul sistema circa 6 miliardi di dollari di garanzie.

Info su Federico Lombardi

Federico Lombardi, Redattore di criptovalute.info, è laurato in Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano. Si occupa di scrivere contenuti a tema Criptovalute, NFT, Blockchain. Con forti competenze tecniche è uno degli esperti che lavora nel settore e scrive anche contenuti su queste tematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.