martedì , 6 Dicembre 2022

Charge DeFi: come gli algoritmi creano stabilità in modo decentralizzato

Il mercato delle criptovalute è cresciuto del 600% da un anno all’altro, con un valore che ora ammonta a ben 2,8 trilioni di dollari, secondo i dati della società di analisi del mercato delle criptovalute, Footprint Analytics. Questo è stato alimentato da un’impennata nello sviluppo e negli investimenti nello spazio, innescando un bisogno di asset stabili per sostenere coppie di asset sempre più volatili. Di conseguenza, c’è stato un aumento del numero e del valore delle stablecoin nel mercato delle criptovalute. Attualmente, ci sono 74 stablecoin secondo gli ultimi dati, con un valore combinato di poco meno di 165 miliardi di dollari.

La stablecoin più popolare, Tether, gestisce diverse coppie fiat-stablecoin, tra cui USDT, EURT e GBPT. Da solo vale 78,2 miliardi di dollari, che rappresenta una quota del 47,3% del valore totale del mercato delle stablecoin. Tuttavia, come è stato dimostrato dal numero di controlli delle partecipazioni fiat effettive di Tether, le stablecoin legate hanno una centralizzazione intrinseca e successivamente un rischio esistenziale.

Charge DeFi è un token cripto algoritmico con un nuovo meccanismo innovativo “rebase” implementato per mantenere la stabilità. Il meccanismo regola l’offerta circolante di $STATIC utilizzando token elastici al prezzo per aumentare il prezzo quando è al di sotto di un peg. Questo articolo esaminerà la soluzione di Charge DeFi alla stabilità algoritmica, esplorerà come funziona e la confronterà con la concorrenza nello spazio delle stablecoin. Quindi analizzerà l’impatto della stabilità algoritmica sullo spazio algoritmico e sul più ampio mercato delle criptovalute. Ma prima, diamo un’occhiata a Charge DeFi stesso.

Cos’è Charge DeFi?

Charge DeFi è una combinazione di una criptovaluta algoritmica e una meccanica di rebase. Uno stablecoin è una criptovaluta il cui valore è ancorato ad una singola unità di una valuta fiat, di solito 1 USD. Normalmente, questo avviene per mezzo del “tethering” in cui una società acquisisce una quantità equivalente di, diciamo, USD e promette di sostenere ogni unità di stablecoin 1:1. Tuttavia, inerente a questo meccanismo è il requisito di fidarsi del garante, che richiede un monitoraggio costante e spesso costoso.

Un crypto token algoritmico porta la stabilità al livello successivo. Invece di un piolo fisso, un algoritmo viene utilizzato per regolare il prezzo di un token basato su condizioni prestabilite che possono essere scritte in un contratto intelligente e lanciato in modo completamente decentralizzato. Di conseguenza, non c’è nessun input da parte di terzi in seguito, con l’algoritmo che viene eseguito secondo la domanda, l’offerta e i movimenti di mercato.

Permettendo un monitoraggio indipendente completo e poco costoso, così come la mancanza di bisogno di fidarsi della parola di un garante.

Come fa Charge DeFi a garantire la stabilità?

Ci sono due gettoni principali che caratterizzano questo meccanismo di rebasing, $CHARGE e $STATIC. $CHARGE funziona come il token di condivisione/signoraggio nell’ecosistema Charge DeFi, e $STATIC come una moneta di fornitura elastica.

Una delle caratteristiche principali di questo nuovo ecosistema è la meccanica rebase implementata nei contratti. La meccanica rebase implementa token elastici nel prezzo che regolano l’offerta circolante per influenzare il prezzo del token. Laddove altri token presentano una meccanica di rebase sopra e sotto un certo peg (prezzo target), Charge DeFi ha scelto di implementare solo un meccanismo di rebase sotto un certo peg.

Il meccanismo di rebase funziona come segue:

  • Quando il TWAP di $STATIC è al di sotto del suo peg di $1.0 per 6 epoche (1 epoca è 8 ore), o quando il TWAP di $STATIC scende sotto $0.8 il protocol rebase. Una spiegazione più semplice per questo sarebbe che il protocollo “comprime i suoi token fino a quando il valore è tornato al suo $1.0 peg
  • Durante tale “compressione” tutti i token in circolazione vengono compressi, compresi quelli nel portafoglio di un utente e all’interno dei pool di liquidità. Solo i token non reclamati nella sala riunioni del progetto sono esenti.

Ma forse un esempio renderebbe tutto più chiaro:

  1. Hai 1k token $STATIC ($STATIC = $1.0) nel tuo portafoglio, del valore di $1000
  2. Il prezzo scende di 1 $STATIC = $0.98 per più di 6 epoche
  3. Il valore del tuo portafoglio è di $980,0
  4. Il rebase inizia e i token $STATIC vengono compressi
  5. Ora hai 980 gettoni $STATIC del valore di $1,0 nel tuo portafoglio, per un valore di $980

La ragione per cui Charge DeFi ha implementato queste meccaniche risiede nel problema centrale di cui soffrono le criptovalute algoritmiche tradizionali: quando un token scende sotto la soglia di 0,6-0,7 dollari, ogni AlgoStable entra in una cosiddetta “spirale della morte”.

Le criptovalute algoritmiche premiano i possessori quando l’ecosistema si espande attraverso un sistema di signoraggio. Gli investitori che puntano i token in una sala riunioni ricevono parte dell’espansione.

Ma quando il prezzo di un token scende troppo, tutti gli incentivi per spingere il prezzo del token verso l’alto scompaiono. Durante questi “Death-spirals” i valori dei token sono spesso scesi a prezzi inferiori del 90% rispetto al loro peg.

Questi cali rimuovevano tutti gli incentivi per tenere il token, oltre ad aumentare il costo di spingere un token verso l’alto di dieci volte. La meccanica di rebase implementata riequilibra la domanda e l’offerta in modo tale che il prezzo di $STATIC ritorni al suo peg e, con una piccola spinta dal lato della domanda, le espansioni ritornano e i possessori vengono premiati di nuovo.

Una spiegazione semplice sarebbe che un rebase impedisce a una criptovaluta algoritmica di “morire”. Al contrario, resetta l’ecosistema a un livello più basso in modo che gli investitori possano “riprovare”.

Per un esempio del funzionamento di questo meccanismo, visita le FAQ di ChargeDeFi qui.

Il range ideale per $STATIC è approssimativamente tra $1.20 e $1.70. Questo risulterà in un sistema di ricompensa affidabile per tutti. Un prezzo molto più alto darà più ricompense, ma potrebbe anche attrarre cacciatori di arbitraggi che stanno cercando di capitalizzare nel breve termine.

Gli utenti possono investire nei pool di liquidità che aiutano a mantenere il meccanismo di rebasing per $STATIC. Gli investitori ricevono una ricompensa, attraverso un’entità chiamata Boardroom ogni epoca (~8 ore). Charge DeFi mantiene anche uno scambio decentralizzato (DEX) chiamato Smart Swap che funge da mezzo di scambio tra $STATIC e $CHARGE.

Far avanzare lo spazio delle criptovalute algoritmiche

Come spiegato sopra, Charge DeFi rinuncia alla necessità di un garante centrale di fiducia per garantire un peg 1:1 tra fiat e una stablecoin. Questo è un passo positivo nella direzione della decentralizzazione, visti gli scandali che si sono verificati con Tether e USDCoin, le più grandi stablecoin nel mercato delle criptovalute.

Tether, per esempio, è stato multato di 41 milioni di dollari per aver ingannato le autorità e gli investitori sul livello di risorse che teneva per onorare la sua garanzia. Questo segue anni di assicurazioni da parte del team di Tether (che è anche di proprietà della stessa holding che possiede lo scambio centralizzato, Bitfinex) che la garanzia 1:1 tra USDT e USD era completamente dotata di risorse.

DAI, una stablecoin algoritmica creata da MakerDAO, è stato uno dei primi tentativipted soluzioni a questo problema. Crea stabilità collateralizzando un paniere di criptovalute e utilizzando un algoritmo per eseguire gli ordini di mercato di quelle attività per mantenere un peg. Mentre questo approccio è completamente decentralizzato, c’è un rischio quando si tratta di ottenere dati per gli asset nel suo paniere. Questo è diventato chiaro nel novembre 2020, quando una cattiva trasmissione dell’oracolo ha portato il prezzo di DAI a salire momentaneamente del 30%. Come risultato, 88 milioni di dollari di liquidazioni sono stati registrati in coppie basate su DAI sul composto del protocollo DeFi.

La soluzione di rebasing algoritmico di Charge DeFi è la risposta a questo. È decentralizzata, trasparente e funziona senza l’intervento umano o di un oracolo, eliminando il requisito della fiducia, ma anche riducendo il potenziale margine di errore.

Inoltre, l’ecosistema Charge DeFi ha una serie di caratteristiche aggiuntive, la più notevole delle quali è chiamata “Money Legos”. I Money Lego sono la soluzione di Charge DeFi per le strategie di puntata automatizzate fai da te. Nella loro prima iterazione permettono agli utenti di automatizzare una serie di regole e condizioni per le puntate all’interno dell’ecosistema $CHARGE. Gli utenti possono impostare regole di “take-profit” o “compound-profit” per gli investimenti nella Boardroom ($CHARGE, $STATIC-$BUSD) o in una qualsiasi delle farm $BUSD disponibili nell’ecosistema. In una fase successiva, questi Money Lego presenteranno anche altri progetti all’interno della Binance Smart Chain. Consentendo agli utenti di creare strategie di investimento su misura su più progetti. Di conseguenza, Money Legos tenta di rimuovere la complessità associata a DeFi, sposando le strategie di trading automatico comunemente usate con le puntate. Il team di progetto assegnato a Money Legos si aspetta che la prima versione sia attiva nel marzo 2022.

Un secondo team sta lavorando su un altro addon all’ecosistema Charge DeFi:

un portafoglio di criptovalute facile da usare con integrazioni DeFi, che permette all’utente comune di fare/ricevere pagamenti in criptovalute e di scommettere facilmente in progetti DeFi. Con una forte attenzione alla “facilità d’uso” il team ha aggiunto un esperto UX designer al team che è stato responsabile di diverse app bancarie su larga scala. L’obiettivo di questo secondo team è quello di rilasciare un MVP alla fine del Q1 2022. Con il già menzionato Money Legos che farà parte di un rilascio successivo.

Una nuova alba per le Stablecoin?

Charge DeFi sta sperimentando un nuovo meccanismo per mantenere la stabilità in un mercato di criptovalute sempre più volatile. Non solo il suo meccanismo di rebasing supera le criptovalute algoritmiche rivali, ma il suo sbarazzarsi dei difetti intrinseci delle stablecoin vincolate permette di ripristinare la fiducia in un mercato che sta chiedendo di più ai suoi arbitri di stabilità.

Questi cambiamenti innovativi negli spazi delle stablecoin si stanno materializzando nella loro tabella di marcia per il 2022. Il team di Charge DeFi sta lavorando per lanciare due piattaforme beta per gli utenti nel primo trimestre del 2022, oltre a diversi miglioramenti e nuove funzionalità alla piattaforma attuale. Questi includono un sistema di voto, una funzione di reinvestimento guidato, e il composto della sala riunioni.

Inoltre, il team intende assicurarsi una serie di partnership di condivisione delle risorse, che introdurrà anche più del mondo delle criptovalute al loro nuovo approccio innovativo. In effetti, Charge DeFi potrebbe essere sull’orlo di una nuova alba per lo spazio delle criptovalute algoritmiche, facendo da pioniere a un nuovo approccio alla stabilità e, come tale, guidando lo spazio verso un futuro decentralizzato, trasparente e algoritmico.

Per saperne di più super Charge DeFi e il suo unico approccio frazionario-algoritmico alla stabilità visita il loro sito web qui o segui la comunità di Twitter qui.

Info su Veronica Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Comments

Nessun commento da mostrare.